Cerca nel blog

sabato 15 luglio 2017

RIFLESSIONI E RIVISITAZIONI



 Ciao!
non sono stata sopraffatta dalla crisi di cui vi parlavo nell'ultimo post,ne tantomeno sono emigrata all'estero, ho avuto parecchio da fare e  sono successe tante cose . La   famigerata crisi è un ricordo!

La crisi ha comportato anche un cambio di look!

Devo impegnarmi maggiormente e tenere aggiornato il blog perchè mi piacerebbe raccontarvi qualcosa di piu' del mio mondo.


Oggi  vi parlo di un "remake " di una mia illustrazione :"La colazione"  che è uno dei primissimi disegni realizzati per il mio progetto di Eva e TABÙ.

Questa è storia...la prima zuccheriera!




strofinaccio


targa da cucina


Tazza e teiera (foto sotto) dipinta a terzo fuoco





Nel corso degli anni ho riprodotto l'illustrazione su zuccheriere , tazze , piattini e molto altro ; poi l'ho accantonata per dare spazio a nuovi disegni.
Scorrendo le pagine del vecchio quadernino degli schizzi, mi è apparso il disegno iniziale,il primissimo . Ricordo che lo feci durante la vacanza in Friuli.

scorci dal Friuli dove è nato il disegno 





Ha deciso così di rispolverarlo ritoccare qualcosina e riproporlo sui miei pezzi in ceramica.
 
La nuova versione su oggetti in ceramica realizzati da me




Sono passati anni luce da quando il supporto era la Porcellana acquistata.



 Per me la colazione è un momento magico, è il passaggio dal mondo dei sogni al risveglio. E' quella specie di limbo sospeso che ti fa  prendere coscenza e riavere dal torpore notturno.
Sarà che realizo ceramica ed in particolare tazze, ma mi piace  scegliere con cura  dalle  stoviglie,infatti non tutte le tazze sono adatte , alla miscela del caffè, ai biscotti.

Tazza realizzata al tornio


Durante la settimana non ho molto tempo , ma ecco che nel weekend la colazione diventa un rituale degno del castello di un re! in estate imbandisco il tavolino sul mio piccolo balcone e in inverno mi accoccolo con un coperta e gli immancabili amici felini in salotto al calduccio. Se poi fuori piove è il massimo.
 Sarò esagerata ma quando vado in vacanza, un metodo per valutare se un posto è buono è verificare la qualità della colazione: se è curata ( non necessariamente abbondante) ma preparata con attenzione, siamo già a buon punto.

Tegolino e Pirata

Con la mia illustrazione vorrei rappresentare tutto questo, in fin dei conti la felicità sta davvero nelle piccole cose.
 L'importante è riuscire a vederle.

A presto.

venerdì 7 aprile 2017

La Crisi (Morgan già lo sapeva)



Ed ecco che quando meno te lo aspetti arriva lei, la più nera delle mie inquietudini: la crisi creativa !

Risultati immagini per munch

L'ultima l'ho avuta due anni e mezzo fa e ricordo che sono scoppiata a piangere come una fontana mentre facevo i piatti davanti alla faccia incredula del mio compagno.
La crisi” dà la stessa sensazione del momento in cui si spegne la fiammella dello scaldabagno finché ti stai facendo la doccia...annaspi e non sai che fare, ti senti deluso e poi arrabbiato.

Risultati immagini per crisi

Il mio lavoro mi dà emozione, è la scintilla mi fa alzare cantando al mattino e mi fornisce la carica per affrontare la vita con il sorriso.
Quando la scintilla si spegne diventa tutto marrone e nebuloso.
Ho chiuso l'anno con grandi soddisfazioni e ho iniziato il 2017 realizzando un sogno che inseguivo da un secolo : il laboratorio!
E allora cosa c'è che non va? Non lo so! E questo mi getta nello sconforto.

Risultati immagini per crisi

Io non ho idea da dove e perché arrivano queste crisi ; ho letto su alcuni blog di psicologia che questo stati d'animo possono 'sopraggiungere quando si hanno degli schock o quando si è fortemente stressati. Il mio è sicuramente il secondo caso visto che di traumi non ne ho avuti.
Sta di fatto che quando succede metto tutto in discussione, non ho piu' voglia di fare niente, mi mancano le idee, faccio inutili paragoni e mi sento una fallita.
Mi sono inoltre imposta di non cedere all'autocommiserazione perché è una scusa infantile per non agire.



Dunque ho deciso che mi prenderò alcuni giorni di relax in montagna, ridurrò le ore di lavoro e mi dedicherò alla lettura di alcuni manuali (sperando si rivelino utili)... cercherò di stare via per un po', in generale, rallenterò i ritmi e farò più cose per me; se riuscirò a superare questo stato, ritornerò rinnovata e piu' forte di prima.

Risultati immagini per questo non è solo un diario

Risultati immagini per accendi le tue idee

se avete suggerimenti per farmi tornare a vedere la vita in fuxia, vi prego ditemeli!





A presto...

domenica 15 gennaio 2017

GENNAIO IN MOSTRA

Ho sempre considerato gennaio come un mese di transizione, lo era quando andavo a scuola e lo è ancora oggi .
La tranquillità lavorativa di questo mese , offre l'opportunità di creare dietro le quinte e di raccogliere idee nuove; per questo motivo ho voluto dedicare le giornate di venerdì e sabato a due importanti mostre: Picasso a Verona e Boccioni al Mart di Rovereto.
In questo post vi racconto non tanto le mostre, ma quello che io mi sono portata a casa.





Un’opera per ogni anno della vita di Pablo Picasso nell’arco temporale che va dal 1906 fino agli anni ‘70...Picasso -figure 1906 1971
http://www.mostrapicassoverona.it/index.html


Per la mostra di Picasso mi sono presa tantissimo tempo, circa tre ore. Picasso è un artista complesso e i suoi quadri attirano sempre le folle perché è IL PITTORE! (ad esempio venerdi , ad un certo punto le sale di Palazzo Forti sono state invase da gruppetti di ragazzotti che non capendo nulla di questi quadri-che tanto li fa anche un bambino- si sono messi a fare gli stupidotti con le ragazze che controllavano l'esposizione) .Texture, pennellate,colore, movimento, scomposizione, i materiali usati per i collage! 




vedere dal vivo tutti questi elementi hanno reso questa mostra illuminante per il mio cammino. Ed inoltre fotografie, filmati, documenti,le immagini del suo atelier... quanta emozione!Picasso è davvero Immenso!



Ne sono uscita carichissima, convinta di fare come Umberto Boccioni...


...



Umberto Boccioni – Genio e memoria-Ricorrenza del primo centenario della morte di Umberto Boccioni (1882-1916)http://www.mart.tn.it/boccioni100



Boccioni durante tutto il suo periodo artistico teneva un diario ed un Atlante dove raccoglieva le immagini che gli potevano servire da ispirazione.


 L'atlante è all'inizio della mostra a lui dedicata al Mart di Rovereto e molte delle tracce di quelle immagini,le ritroviamo nelle opere esposte. Il genio di Boccioni non copia ma elabora, stravolge, assimila le influenza e crea un qualcosa di nuovo ed estremamente personale.Anche questa è una bellissima esposizione , forse meno difficile da capire di quella dedicata a Picasso,ma altrettanto stimolante.


La sua scultura piu' importante “Forme uniche della continuità nello spazio” vista dal vero è sorprendente , esposta nell'ultima sala , rende lampante la comprensione della sua carriera di artista.



...


C'è tempo fino al 12 marzo 2017 per vedere Picasso a Palazzo Forti a Verona e fino al 19 febbraio 2017 per Boccioni al Mart di Rovereto.Gennaio non è poi così triste...


x